Coronavirus: tutto quello che c’è da sapere

In caso di dubbi non recarti al pronto soccorso, chiama il tuo medico di base e se pensi di essere stato contagiato chiama:

NUMERO VERDE: 800 169 326


Informazioni sugli spostamenti

È possibile fare la spesa in un Comune diverso da quello in cui si abita? 

Gli spostamenti verso Comuni diversi da quello in cui si ha la residenza o il domicilio sono vietati. È possibile spostarsi in altri Comuni solo ed esclusivamente per comprovate esigenze lavorative o in casi di assoluta urgenza o per motivi di salute. Laddove quindi il Comune non disponga di punti vendita, o sia necessario acquistare con urgenza generi di prima necessità non reperibili nel Comune di residenza o domicilio, lo spostamento è consentito solo entro tali stretti limiti, che dovranno essere autocertificati.


Avviso alla cittadinanza

Carissimi.

Torno a parlarvi per un aggiornamento di regole e informazioni sulla emergenza che ci riguarda tutti.

Si ribadisce in ogni modo di NON USCIRE DI CASA se non assolutamente necessario e di rispettare comunque tutte le precauzioni, soprattutto la distanza di sicurezza di 1 metro dalle altre persone.

Siate prudenti, usate anche le mascherine, ma non sono necessarie quelle con valvola che è opportuno lasciare agli operatori sanitari che ne hanno davvero bisogno.

Il Governo ha varato un Decreto cosiddetto “Cura Italia” che prevede misure di tutela e sostegno per i lavoratori. Prendete informazioni per verificare in che modo rientrate tra i benefici.

Ieri invece, una ordinanza del Ministro della Salute ha previsto ulteriori prescrizioni:

  • è vietato l’accesso del pubblico ai parchi, alle ville, alle aree gioco e ai giardini pubblici;
  • non è consentito svolgere attività ludica o ricreativa all’aperto; resta consentito svolgere individualmente attività motoria in prossimità della propria abitazione, purché comunque nel rispetto della distanza di almeno un metro da ogni altra persona;
  • sono chiusi gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande, posti all’interno delle stazioni ferroviarie e lacustri, nonché nelle aree di servizio e rifornimento carburante, con esclusione di quelli situati lungo le autostrade, che possono vendere solo prodotti da asporto da consumarsi al di fuori dei locali;
  • restano aperti quelli siti negli ospedali e negli aeroporti, con obbligo di assicurare in ogni caso il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro;
  • nei giorni festivi e prefestivi, nonché in quegli altri che immediatamente precedono o seguono tali giorni, è vietato ogni spostamento verso abitazioni diverse da quella principale, comprese le seconde case utilizzate per vacanza.

I cantieri della ricostruzione non sono chiusi per legge, ma verranno riconosciute e accettate le sospensioni se non si possono garantire condizioni di sicurezza agli operai.

Le scuole non riapriranno il 4 aprile, e ancora non ci sono date indicate per una eventuale riapertura.

Continuano i severi controlli – da parte delle forze dell’ordine – del rispetto del divieto di spostamenti. Siate coscienziosi e portate con voi l’autodichiarazione che spieghi la necessità della vostra uscita di casa.

Segnalate ai carabinieri e a me, come d’altronde state già facendo, presenze e movimenti anomali di persone non abitanti a Fontecchio. Questo controllo sociale è utile per contrastare comportamenti irresponsabili o inconsapevoli.

Diffondete tra i vostri conoscenti l’avviso della Protezione civile nazionale per reperire medici volontari; il bando è al seguente link: www.medicipercovid.protezionecivile.it.

Non sono vietate le attività legate all’accudimento degli animali per gli allevatori e alla cura degli orti. Sempre nel rispetto delle norme di sicurezza, di distanza, di igiene.

Per quanto riguarda la vita della nostra comunità, ribadisco le informazioni:

Gli uffici comunali sono chiusi al pubblico. Per qualsiasi informazione potete contattare:

I servizi di protocollo e anagrafe sono assicurati, cosi come le attività degli uffici che continuano “normalmente”, perché i dipendenti stanno lavorando da casa. Colgo l’occasione per ringraziare tutti: Katia, Catia, Bruna, Stefania, Tiziana, Gaetano, Fabio, Marrico e Lino per le premure e il senso di responsabilità che dimostrano. L’Ufficio postale e l’ambulatorio medico sono aperti, con i giorni e gli orari soliti (non dimenticate le distanze e le prudenze, facendo la fila e in attesa).

La raccolta dei rifiuti porta a porta continua regolarmente, mentre è chiuso il centro di raccolta di S. Demetrio.

Il Bar 90 è aperto solo per l’attività di edicola e tabacchi, ad orari ridotti.

Le attività commerciali alimentari continuano a lavorare e li ringrazio per le difficoltà che superano per non interrompere un vero servizio pubblico nel nostro paese. Grazie davvero.

Le strutture sanitarie continuano la loro faticosa e scrupolosa attività di cura dei nostri fragili anziani (0862. 85112 RSA e 85119 Casa Serena).

La Farmacia, dopo alcuni giorni di chiusura, lunedì riprenderà la sua normale, completa attività. Avremo con noi una nuova dottoressa che assicurerà un servizio tanto importante per la nostra piccola comunità. La ringrazio fin d’ora per la fiducia e la disponibilità che ci ha dimostrato.

Tutte le attività pastorali della nostra parrocchia continuano ad essere sospese.

I Carabinieri, sempre attenti e collaborativi, sono a disposizione per ogni segnalazione (0862.85132).

Al di là degli obblighi di legge dei diretti interessati e delle sanzioni connesse, per qualsiasi comunicazione o chiarimento, anch’io continuo ad essere sempre a disposizione (3473633086).

L’Associazione di Protezione Civile Fons Tychiae ribadisce la sua disponibilità a supportare persone che hanno difficoltà ad avere alimenti e farmaci in casa. Si possono contattare i numeri: 3471003754, 3661145631 e 3791678204.

Si consiglia di consultare il sito internet del Comune per gli aggiornamenti costanti, per i moduli e per i link con i siti istituzionali del Governo, della Regione, del Ministero della Salute, della ASL, dell’Istituto Superiore di Sanità e dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Teniamoci informati, senza fobie e polemiche, nel rispetto di chi sta lavorando tanto, anche per noi, di chi sta soffrendo e piangendo perdite, di chi ci aiuta a vedere la prospettiva di un ritorno alla normalità, sana, sicura, fatta di scambi e di progetti.

Che sia una vera, intensa, forte PRIMAVERA anche per tutti noi.

Il vostro Sindaco

Sabrina Ciancone

Fontecchio, 21 marzo 2020


Informazioni

Modulistica


Categories:

Messaggi